New‎ > ‎

Comunicato Stampa dell'Associazione Cultura della Pace

pubblicato 31 ott 2020, 09:22 da Cultura della Pace
Violenza e barbarie
Comunicato Stampa dell'Associazione Cultura della Pace, riguardo i tragici fatti di Nizza

Attentato a Nizza, tre morti nella cattedrale. Macron: «Terrorismo islamista»

L'Associazione Cultura della Pace di Sansepolcro condanna con forza il vile e barbaro atto di terrorismo che ha causato tre morti nella Cattedrale di Notre Dame a Nizza.

Come sempre fatto in passato, ribadiamo che nessun crimine può essere giustificato dall'appartenenza a una fede religiosa; nessun Dio reclama sangue innocente; nessuna religione può proclamarsi giudice e carnefice di membri appartenenti ad altre confessioni o di non credenti. 

Bene hanno fatto i portavoce dell'Islam che hanno condannato questo crimine abietto, che nulla ha a che fare con la fede professata da quasi due miliardi di credenti. Chiediamo altresì che cessino le voci di irresponsabili forze estremiste di qualunque schieramento, desiderose dell'avvio di una totale guerra di religione, dai fini non meno abietti e potenzialmente catastrofici. Le vittime, recenti e passate, sono sempre innocenti che hanno portato avanti la volontà di dialogo e integrazione e che nulla hanno a che fare con desideri di sopraffazione e di eliminazione di differenze.

Se la desacralizzazione del mondo moderno appare, almeno in Occidente, un processo irreversibile, non è possibile combatterla a colpi di coltello o di fatwe. Ora più che mai solo lo sforzo congiunto di tutti gli esseri umani di buona volontà può e deve scongiurare che una furiosa contrapposizione tra fede e laicità, o tra fedi diverse, porti al ripetersi di simili stragi.

Ragione e religione devono trovare un'alleanza su un minimo comune denominatore fatto di reciproca tolleranza su posizioni e argomenti anche molto distanti, come pure sulla inattaccabilità della dignità umana, in caso contrario ci aspetta solo l'abisso della barbarie. Quella più terribile: quella agita nel nome di un Dio.

Comments