New‎ > ‎

Una battaglia d'insieme

pubblicato 17 dic 2020, 08:45 da Cultura della Pace

«Siamo disarmati, noi siamo qui per proteggere la popolazione civile e non ce ne andremo» – Conversazione con Mel Duncan di Nonviolent Peaceforce

Sul sito www.serenoregis.org la conversazione con Mel Duncan, esperto di difesa nonviolenta


In questo episodio di Nonviolence Radio, Michael Nagler intervista Mel Duncan, il cofondatore e Direttore di Adovocacy and Outreach for Nonviolent Peaceforce, un leader mondiale per la protezione civile disarmata.

Mel rappresenta Nonviolent Peaceforce alle Nazioni Unite, dove al gruppo è stato concesso uno status consultativo. Nonviolent Peaceforce fornisce protezione a quei civili coinvolti in conflitti violenti, e lavora con i gruppi locali per la deterrenza della violenza in diverse aree di conflitto in giro per il mondo.

Mel parla del potente lavoro che Nonviolent Peaceforce ha compiuto nelle aree di conflitto in tutto il mondo identificando 77 tra le migliori pratiche per prevenire la violenza, proteggere i civili, salvare vite, e promuovere la pace attraverso lo strumento unico della Protezione Civile Disarmata.

Michael: Saluti a tutti e benvenuti ad un altro episodio di Nonviolence Radio. Io sono Michael Negler. Siamo lieti e orgogliosi di condividere con voi un’intervista che ho condotto recentemente con un mio caro e vecchio amico, e un importantissimo attore mondiale per la nonviolenza. Lui è Mel Duncan, il cofondatore di Nonviolent Peaceforce.

Mel ha lavorato instancabilmente per qualcosa come 15 anni per l’avvio di Nonviolent Peaceforce e per vederla stabilmente all’interno delle Nazioni Unite e persino tra gli stanziamenti degli Stati Uniti. Mel è arrivato a questo lavoro avendo già un background nell’organizzazione della comunità, ma alla Conferenza per la Pace all’Aia che lui ci descriverà, ha incontrato David Hartsough e questa cosa, a cui noi di Metta teniamo tanto, è stata lanciata. Ora passiamo alla nostra intervista.

Quindi, Mel, se potessi ripetere quello che ti ho sentito chiedere, stai lavorando per trasferire completamente il nostro concetto di sicurezza, da uno basato sulla forza a un concetto basato sulla fiducia e sulla comunità, il che è assolutamente lodevole ed è ciò che dobbiamo fare. E poi la seconda domanda è: questa è una forma di programma costruttivo? Stavo dicendo: “Assolutamente, lo è”. E questo diventerà chiaro quando effettivamente costruiremo le istituzioni alternative. Come la giustizia riparatrice invece del gasdotto della prigione.

E quando forniamo servizi psicologici con i quali le forze di polizia possono operare in tandem, tutto ciò farà in modo che sia ovvio che si tratta di un programma costruttivo. Ma la cosa principale che un programma costruttivo ci permetterà di fare, e penso che ciò sia enorme, è uscire dal gioco delle colpe. E non incolpare la polizia semplicemente per gli omicidi. Ovviamente loro non dovrebbero commetterli, ma dobbiamo renderci conto che li abbiamo messi in una situazione impossibile.

Mi viene sempre in mente una cosa che diceva Norman Cousins, il quale scoprì che la Marina militare aveva inviato una nave intorno alla baia di San Francisco spruzzando un agente batterico nella nebbia per vedere se avrebbe funzionato come arma biologica. E lo ha fatto. Più tardi, grazie al Freedom of Information Act, si scoprì che un signore anziano aveva contratto la malattia ed era morto. I suoi nipoti fecero causa alla Marina.

Così ha detto Cousins, “Questo è stato assolutamente riprovevole da parte della Marina. Tuttavia, devi renderti conto che quando hai reso qualcun altro responsabile della tua sicurezza, ne hai ceduto un po’”- non lo so, qualche prerogativa etica o qualcosa del genere. Non è giusto quindi rivolgersi a quella persona e dire: “Non mi piace il modo in cui l’hai fatto. Non avresti dovuto farlo in questo modo.”

Perciò, che ci siano eccessi che portano alla brutalità della polizia non ci sono dubbi. E devono essere fermati. Ma dobbiamo, soprattutto, evitare una postura psicologica che punta il dito contro di loro, e dire: “Siamo irreprensibili e voi avete fatto tutto questo e noi vi puniremo”. Questo non ci porterebbe da nessuna parte.

Mel: Capisco cosa stai dicendo. Allo stesso tempo, c’è un limite che penso tu abbia superato, in termini di persone bisogna essere responsabili delle proprie azioni. E dobbiamo ritenere le persone responsabili. La vigilanza è una professione in cui le mele marce non dovrebbero essere consentite.

Michael: Questo è vero.

Mel: Proprio come sai, Delta Airlines non va a dire: “Beh, sapete, abbiamo piloti davvero bravi, tranne un paio di mele marce. E a loro piace schiantarsi sulle montagne. “Questa è una professione in cui non sono ammesse mele marce. E la polizia dovrebbe essere la stessa cosa. Non ci sono scuse per una mela marcia. Non ci sono scuse per le federazioni di polizia che proteggeranno quelle mele marce a tutti i costi. Quindi, penso che ci sia spazio per la colpa che fino ad ora non abbiamo fatto in modo che questo ci sia.

Michael: Non sono in disaccordo con questo, Mel. E non sto dicendo che non ci sia un comportamento a cui si deve porre una fine, ma sto solo dicendo che possiamo affrontarlo in modo un po’ più compassionevole se guardiamo interamente al contesto. E dopotutto, l’obiettivo finale della nonviolenza, sebbene sia difficile da raggiungere, ed è qui che dobbiamo fare un compromesso con il mondo reale, ma l’obiettivo finale che dobbiamo raggiungere non è tanto la responsabilità ma più che altro che le persone si assumano la responsabilità.

Mel:Si. Sono d’accordo. Lasciatemi spiegare quello che hai appena detto sull’obiettivo assoluto della nonviolenza che non è la responsabilità, ma che le persone si assumano la responsabilità. Quello che penso e che sento è che la responsabilità viene solo dopo che il fatto sia già accaduto. Questa è una responsabilità proattiva.

Michael: Sì, è vero. Non ci avevo pensato. Ma c’è un altro elemento in tutto questo, in quanto nella responsabilità, non stiamo dando loro solo l’opportunità di farsi avanti, ma di riconoscere quello che hanno fatto e correggersi da soli, che è l’obiettivo finale.

Ma è sempre positivo avere un obiettivo luminoso lontano, anche se non sei in grado di rispettarlo nel presente, nella tua vita.

Mel: Sì. Izzy Stone ha detto: “Se ti aspetti di trovare le risposte alle tue domande nel corso della tua vita, non stai facendo domande abbastanza grandi”.

Michael: Esatto. Si. Oh, è stato fantastico. Quindi, Mel, questo in realtà ci porta direttamente alla questione del mantenimento della pace civile disarmata, perché non mi sorprende il modo in cui la tua splendida organizzazione, Nonviolent Peaceforce, si è adattata agli interventi domestici. Avendo iniziato con il modello tradizionale, “Across Border”, che in realtà non era ciò che Gandhi aveva in mente. Era tutto basato sulla comunità.

Mel: Usiamo il termine “Shanti Sena” liberamente.

Michael: Sì. Giusto. Perché, sai, in India, Sena non significava necessariamente una forza di occupazione straniera. Invece, ciò sta succedendo proprio ora è Shiv Sena. Quindi, permettetemi di farti queste due domande. Come è nata la passione per la pace e come è finita per concentrarti su questo aspetto che ora chiamiamo “Mantenimento della pace civile disarmata?”

Mel: Ho avuto questa passione per tutto il tempo che ricordo e ho agito su questa passione già alle scuole medie. E dal liceo, ci si organizzava attivamente intorno ai diritti civili e contro la guerra. Ero l’unico ragazzo bianco del mio liceo e me ne andai il giorno dopo l’assassinio di Martin Luther King insieme agli studenti neri. Questa passione è sempre stata parte di me. Anam Cara è uno dei miei più cari amici e lo è ancora. Lo sai cosa intendo?  Il libro della saggezza celtica di John O’Donohue.

È stato con me da quando ero nella culla. Alla stessa scuola materna. E mi ha detto molte volte: “Sei nato con filtri diversi e non puoi filtrare il dolore come fa la maggior parte delle persone”.

Michael: Grazie a Dio per questo.

Mel: Bene, è stato anche straziante. Voglio dire, lo capisco. Lo accetto. Non sono sicuro se lo augurerei a qualcuno. Ma penso che quella fosse una motivazione, non più di questo- voglio dire, forse questo è troppo rivelatore, ma sono cresciuto con una madre che mi ha insegnato ad avere responsabilità su tutto. E inoltre, mi ha incoraggiato dicendomi che potevo fare qualsiasi cosa mi mettessi in mente.

Quindi, sai, eccomi qui a lavorare con forza a Nonviolent Peaceforce a 70 anni.

Michael: Che grande mamma. Wow.

Mel:Si. Nel bene e nel male. Sai, non andava tutto bene. E così, avevo lavorato tutta la mia vita principalmente su questioni relative ai diritti umani a livello nazionale, sui diritti dei disabili, sui diritti dei gay, sulla giustizia economica, sull’organizzazione – aiutando a organizzare la campagna per il senato del mio caro amico Paul Wellstone, morto 18 anni fa.

Michael: Wow.

Mel: 18 anni fa.

Michael: Ricordo con tanto affetto.

Mel: Sì. E così, mi hai sentito dire questo prima. Ma io, in quel momento, mi stavo organizzando per essere un classico organizzatore di comunità, noi contro loro, giusto contro sbagliato, buono contro cattivo. Il 50 percento più uno significa che li prendiamo a calci in culo. Ora, sono stato un po’ più civile a riguardo. Ma non molto. E così, nel 1997, sono arrivato alla University of Creation Spirituality.

Durante una lezione sui mistici, era appena iniziata una sezione su Rumi che veniva insegnata da una Sufi. E ha iniziato la lezione parlando della differenza tra il dibattito in stile occidentale e quello di stile orientale. Dove in Occidente cerchi di dominare l’altra persona e in Oriente – e queste sono generalizzazioni eccessive – cerchi di illuminare ciò che sta dicendo l’altra persona. Ora io e te ne sappiamo di più. Ma per scopi generali.

Con questo, ho iniziato a sognare ad occhi aperti a quando mi trovavo i venerdì notte negli show televisivi qui in Minnesota, e facevo parte di una giuria, avevamo 8-10 minuti alla fine della trasmissione per discutere sugli eventi della settimana. Ci incoraggiavano a fare confusione, ad essere controversi. Intendo che eravamo niente. Parlo di 20 anni fa. Eravamo niente in confronto a cosa siamo oggi. Ma eravamo precursori.

Georgia mi ha affrontato una notte. Aveva visto lo spettacolo e mi stava aspettando sulla porta quando sono tornato a casa. Era una cosa che mi aspettavo che tutta la mia famiglia facesse diligentemente ogni venerdì in cui partecipavo a quella trasmissione. Ma non era mai successo prima. Mi ha detto: “Non c’era niente di buono in te stasera tranne la tua maglietta”. Era la maglietta che aveva comprato per me.

Michael: Certamente.

Mel: Ha detto: “In che modo puoi contribuire al bene pubblico litigando con le persone? Interrompendole? Cercando di essere meglio di loro? Cosa stai rappresentando per i nostri figli?” E, sai, volevo dire: “Ma Georgia, questo è un bel concerto. Le persone mi riconoscono al supermercato.”

Allora sognando questo mi trovo in questa classe nel centro di Oakland. Questa Sufi mi fissa dritto in faccia. Non l’avevo mai incontrata prima. E disse: “il tuo compito è entrare nel cuore del tuo nemico”. E io l’ho scritto nel mio quaderno: “Entra nel cuore del mio nemico. Questo è un buon posto per strapparlo”. “E poi più in basso nella pagina ho scritto: “Non tornare a dormire. Questo potrebbe cambiarti la vita.”

Michael: Wow.

Mel: Ed è in quel momento in cui, quando lo studente è veramente pronto, che gli insegnanti appaiono.

Michael: Oh sì.

Mel: E così, sono stato guidato, stimolato, sfidato, e chiunque fosse, sul modo dualistico in cui vedevo il mondo, sul modo dualistico in cui lavoravo, sono stato davvero spinto a comprendere il mio lavoro come un senso di unità. E questo mi ha portato a prendere parte a un Sangha nella Bay Area per attivisti sociali al largo di Fruitvale. Mi ha portato a studiare Thich Nhat Hanh. E poco più di un anno più tardi mi sono ritrovavo seduto a Plum Village.

E Thich Nhat Hanh, ero in questa compagnia di questa fondazione mainstream nel Minnesota. Alzarono le mani quando hanno ricevuto il mio rapporto bimestrale. E così mi trovai in questo monastero. E lì, Thich Nhat Hanh era molto chiaro sul fatto che non eravamo più sul punto in cui potevamo permetterci di schierarci. La posta in gioco era troppo alta. E così, era la fine del 1998, e lasciando Plum Village in autobus, ho scritto nel mio taccuino, che è sempre con me, un pensiero su Nonviolent Peaceforce.

Michael: Wow. È così che è iniziato?

Mel: Sì. Quindi, sono tornato a casa. In realtà sono tornato a Edinboro. Uscivo con un amico, scrivevo durante il giorno e andavamo al pub la notte. Ma quando ho ricevuto una mail ho scritto a Georgia questa mia idea e lei ha risposto: “Buona idea. Promettimi che resterai a casa per tre mesi”. Così sono tornato a casa alla fine del ’98. Eravamo al verde. Per fortuna lei tornò a lavorare, mentre io insegnavo all’università, facevo consulenza e altre cose.

Così una notte Georgia mi ha detto: “Provaci”. Il giorno dopo, c’era una pubblicità su The Nation riguardante l’Appello per la pace dell’Aia. E così, ho esaminato la questione e ho pensato: “Beh, come organizzatore, questo è un posto perfetto per testare la validità di questa idea”.

Quindi, ho messo da parte i soldi e ho comprato un biglietto aereo, ho trovato un posto gratuito dove stare all’Aia, e mi sono ritrovato con 50 fogli di battitura a spaziatura singola sul concetto della Nonviolent Peaceforce. E il giorno dopo sono andato nel panico perché – tu c’eri?

Michael: No non ero li. Lo sapevo, ma non c’ero.

Mel: erano programmate 5.000 persone e invece erano 9.000. Quindi, ogni luogo era intasato. Così, ho chiamato Georgia la prima notte e le dissi: “Sai, con quelle persone che mi hanno dato i soldi per analizzare questa idea non riusciamo a trovare un punto d’appoggio. Non riesco a parlare con nessuno. Potrei alzarmi in piedi su una sedia e urlare, ma mi dovrei semplicemente adattare al frastuono”. E lei mi rispose: “Bene, allora stai zitto e ascolta”.

Quindi, il giorno dopo ero stipato contro il muro in fondo alla stanza. E ora so che l’oratore era Helga Temple. Allora non lo conoscevo, ma c’era David Grant. E penso che Tim Wallace fosse lì. Questo ragazzo si alza e fa una domanda su una forza di pace non violenta professionale su larga scala. In quel momento ho scosso la testa, come nei cartoni animati. Mi sono dato una spinta dal muro, attraversai la folla e l’ho afferrato per il braccio. Gli dissi: “Se sei serio su quello che hai appena detto, dobbiamo uscire da qui e iniziare a organizzare. Abbiamo soltanto pochi giorni qui. “Quindi, puoi immaginare di dire a David Hartsough: “Se sei serio su quello che hai appena detto”, [ride].

Michael: Dovrebbe averti dato un’occhiata molto veloce.

Mel: Quindi, ci ritrovammo fuori nel corridoio a organizzare dei gruppi per testare questa idea. E venendo via da lì abbiamo scritto il concetto principale. Dopodiché abbiamo trascorso i due anni successivi a massimizzare le nostre carte di credito visitando persone in conflitti violenti e imparando cosa stavano facendo, cosa funzionasse e cosa no, e se avrebbero potuto aver bisogno di civili disarmati ben addestrati. Diciamo che questa è una lunga storia.

Michael: Non avevo mai sentito la storia in modo così completo, Mel, ascoltandoti ho un’impressione molto forte di questa combinazione perfetta tra fattori interni ed esterni. In altre parole, stai ottenendo il meglio da ciò che hai imparato dai mentori dell’insegnante Sufi e ascoltando Georgia e tutto il resto. D’altra parte, non stai solo dicendo: “Oh, l’universo se ne prenderà cura”. Stai facendo la tua dovuta diligenza. Sei entrato con 50 pagine e hai afferrando David Hartsough per il braccio. Quindi è questa la combinazione vincente, e penso che tutti possiamo trarre una lezione davvero stimolante da tutto ciò.

Quindi, torniamo indietro un secondo. Ti è venuta questa idea più o meno spontanea, l’idea dell’intervento non violento, ma ormai aveva un po’di storia. Sai cosa intendo?

Mel: Oh, sì.

Michael: Shanti Sena prima. Raccontaci un po’di questo.

Mel: Beh, nel 1984 ero andato in Nicaragua come parte delle Brigadiste internazionali. Abbiamo soggiornato in un villaggio nei campi di cotone al confine settentrionale, proprio sul Golfo di Fonseca. Quei villaggi venivano attaccati e distrutti dai Contra durante la raccolta del cotone e del caffè. Abbiamo ipotizzato che fosse un’operazione della CIA. Non lo sapevamo. E inoltre, che se in quei villaggi ci fossero stati gringo o nordeuropei, la CIA non avrebbe permesso ai Contra di attaccare. Grazie a Dio avevamo ragione. Sai, questo è emerso due anni dopo nelle udienze Iran-Contra.

E nessuno è mai stato ucciso mentre stavano facendo quella presenza non violenta in quei villaggi. C’era un giovane che è stato ucciso, ma aveva impugnato le armi.

Michael: Oh, capisco.

Mel: E così, avevo visto l’utilità di questo e di come avrebbe potuto funzionare, ma Georgia e io non eravamo sposati da molto tempo e stavamo mettendo su famiglia. E come sai, è diventata una famiglia molto numerosa. E avevo iniziato a studiare Gandhi, credo, all’inizio del college, così come King e altri. Ricordo “Anthology of Nonviolence in America” di Staughton Lynd.

E così, questi pensieri mi giravano intorno. E ricordo che durante le guerre balcaniche, ho pensato che avremmo potuto fare qualcosa? Ma ovviamente non ho mai avuto il tempo o l’intenzione o la spinta per fare qualcosa.

Michael: Non era il momento giusto.

Mel: Si, andando via da Plum Village, sai ero solo lì sul autobus a scrivere. Era già tutto là.

Michael: Giusto. Io voglio prendere un punto particolare che hai menzionato, Mel, riguardo al fatto di essere impressionato dall’evento che nessuno era stato ucciso mentre loro erano in azione. Esiste una reazione giusta e una sbagliata a questo. Ricordo quando iniziavo a andare in giro provando a guadagnare qualche soldo per questo lavoro – Non penso che NP esisteva già allora. Ho parlato con Sally Lilienthal che aveva un bel po’ di fondi qui a San Francisco. Le ho presentato l’idea con il sostegno di alcuni amici benestanti che si finanziavano dall’est.

Lei ha detto: “Beh, sai, la prima volta che qualcuno viene ucciso, crollerà tutto”. E sapevo che era completamente sbagliato. Quindi, ci ho pensato molto. E quello a cui sono arrivato è che da un lato non dobbiamo entrare in questo lavoro per proteggerci perché questa è la motivazione sbagliata. Lo facciamo perché vogliamo proteggere gli altri. Lo facciamo perché riteniamo che sia la cosa giusta da fare. Non puoi non correre rischi nella nonviolenza. Lo sai.

Dall’altro lato, questo mostra che c’è un potere incredibile in questa cosa, e che a causa della nostra visione del mondo, del nostro paradigma a cui facevamo riferimento in precedenza, non lo vediamo questo potere. E così, diventa una parte di fondamentale importanza quella di mostrare alle persone che questo ha il potere sia di persuadere l’avversario che di proteggere te e la tua parte. Quindi, ce l’ha questo potere. Ma sarebbe sbagliato dire: “Lo farò in modo non violento perché ho paura”. Forse è una specie di punto sottile, ma ho pensato che varrebbe la pena vedere se sei d’accordo.

Mel: Beh, prima di tutto, abbiamo una soglia di rischio molto più alta rispetto alla maggior parte delle persone. E questo viene insegnato alle persone in formazione. Ma questo non significa che non abbiamo una soglia di rischio, perché lo abbiamo. Il martirio non è un’attività sostenibile.

Michael: Ben detto.

Mel: E così, ci proteggiamo quando – e se non possiamo proteggere noi stessi, non possiamo proteggere gli altri.

Michael: Buon punto.

Mel: Una delle cose che è stato un buon apprendimento, è che spesso sul campo, la sfocatura di chi sta proteggendo chi – diventa sfocata su chi sta proteggendo chi. E a volte nei villaggi ci proteggono. E altre volte li proteggiamo noi. E penso che questa sia la mutualità ideale della protezione non violenta.

Michael: Ascoltare tutto questo è davvero meraviglioso. Sì, e anche questo è un aspetto a cui non avevo pensato. Ma sicuramente ci protegge da ciò che temevamo così tanto e giustamente, che è l’imperialismo della pace. Sai, stiamo arrivando lì per darti pace perché non puoi farlo da solo. Quindi, so che NP ha una politica e così anche PBI e altre organizzazioni che svolgono questo tipo di lavoro, una politica di andare via e lasciare il territorio quando queste pratiche non sono più necessarie.

Ma quello che stai dicendo qui è intimo e potente. Ci siamo dentro insieme. Sai, siamo davvero – loro ci stanno proteggendo, noi li stiamo proteggendo. Buon punto.

Michael: Sì. Quindi, non siete soltanto nel nord globale, ma vi paracadutate per difendere il sud globale. Quindi, sei andato lontano, penso, per stabilire quell’equilibrio tra “Sì, abbiamo qualcosa che possiamo offrirti. E no, non siamo qui per dirti come farlo. E per implicare che sei impotente.”

Mel: Esatto.

Michael: Penso che sia uno dei grandi successi di Nonviolent Peaceforce.

Mel: Sì. Lavorare con le agenzie delle persone. Ecco perché non parlo più di sviluppo delle capacità. Ma mi riferisco sempre ad esso come riconoscimento della capacità.

Michael: Bello. Sì, so che di recente abbiamo intervistato per il nostro film un tizio del Kenya, Gregory Otieno. Ha parlato in modo molto affettuoso dei meccanismi indigeni per la riduzione dei conflitti e di costruzione della comunità, che sono stati travolti, purtroppo, durante l’era coloniale. Ma questo è idealmente ciò che vogliamo fare, il riconoscimento della capacità. E forse un miglioramento delle capacità laddove abbiamo la capacità di farlo.

Mel: Sì. E la metafora a cui penso a volte, Michael – ti ricordi Andrew Weil?

Michael: Sì.

Mel: Ha scritto diversi libri. Uno è stato chiamato, “Guarigione spontanea”. E ha parlato di come noi abbiamo davvero nel nostro corpo la capacità di guarire noi stessi. E lui disse: “Quindi, quando ti tagli, puoi guardare e vedere il tuo corpo che inizia a rimettersi insieme immediatamente”. Abbiamo queste proprietà dentro di noi. Ma a volte l’aggressione è così acuta, esternamente o internamente, che abbiamo bisogno di ulteriore aiuto. Ma non per guarirci. Abbiamo bisogno dell’aiuto aggiuntivo per tornare al luogo in cui possiamo guarire noi stessi.

Michael: Questa è una metafora superba. E sai, una delle cose che sperimentiamo qui nella nostra proprietà a West Marin, nel momento in cui siamo arrivati ??in questo posto, c’erano due fossati di erosione piuttosto gravi. Abbiamo notato che avevano molti cardi. E abbiamo pensato: “Oh, il cardo è un tale dolore. Se provi a superarli, vieni punto.” Ma i cardi erano il tessuto delle cicatrici della natura. Hanno impedito alle mucche di peggiorare le cose in quei fossati erosivi. Quindi, e come se, lo sai, anche il pianeta possiede l’abilità di guarire.

Mel: Ci puoi scommettere. Eh sì.

Michael: Ma c’è bisogno di aiuto quando, ovviamente, questo avviene artificialmente.

Mel: Sì.

Michael: Allora, Mel, mi colpisce che tu ed io siamo stati in questo campo per così tanto tempo e ne conosciamo i suoi meccanismi. Ma molte persone che leggono o guardano questa intervista potrebbero non conoscerli. Per questo potresti spiegarci cosa si fa esattamente per il mantenimento della pace civile in modo disarmato?

Mel: Beh, abbiamo squadre di caschi blu civili disarmati ben addestrati, che provengono da i paesi ospitanti dove siamo invitati. E da – ora che ci penso che ci sono altri 40 paesi. Siamo invitati dalla società civile locale in aree di conflitto violento per lavorare con loro, per proteggere i civili e prevenire la violenza. Perciò per fornire protezione agli individui e alle comunità utilizziamo dieci metodi diversi in base alle loro diverse proporzioni.

Ciò che ho capito fino ad ora, che è fondamentale, è che la protezione civile disarmata dipende in larga misura dal profondo impegno della comunità, con cui, insieme, facciamo un’analisi costante del contesto. Sulla base di ciò, vengono applicati uno o più metodi e lavoriamo con la comunità iniziando dal capire se si tratta di accompagnamento o preallarme, risposta tempestiva o interposizione. Dobbiamo essere molto agili perché le dinamiche del conflitto cambiano rapidamente.

E quindi, dobbiamo essere in grado di cambiare in corso. Mi è venuto in mente alcuni anni fa, più di qualche anno fa, quando visitavo vari siti nel Sud Sudan. Guardavo e pensavo: “Questo sito sta facendo qualcosa di completamente diverso da quello che ho appena visitato”. Ed è stato a causa del contesto. Quindi, è davvero necessario un profondo coinvolgimento della comunità e un’interazione continua con essa. Per cui, quello che ho capito è che la Protezione civile disarmata è molto più un processo che una prescrizione. Non è un libro di ricette. È un processo dinamico e basato sui sistemi.

Michael: Allo stesso tempo, Mel, anche quando hai un ricettario, devi avere degli ingredienti riconoscibili. Qualcuno dice, sai, “Mescola una mezza dozzina di uova”, devi sapere cos’è un uovo. Quindi, ci diresti qualcosa in più su quali sono alcuni dei metodi? Hai accennato all’interposizione. Quali sono un paio degli altri metodi per essere più chiari alle persone?

Mel: L’accompagnamento è probabilmente il metodo più noto che usiamo. Ed è qui che, ad esempio, in Sud Sudan, le donne soggiornano nei campi profughi interni chiamati “aree di protezione civile”. In un posto in cui abbiamo lavorato, ci sono 100.000 persone. E le donne devono partire tutti i giorni per raccogliere la legna da ardere. E poiché sono in quei campi ormai da sei anni, c’è una massiccia defogliazione. Quindi, devono andare sempre più in là nella boscaglia.

La situazione è migliorata dopo l’accordo di pace. Ma fino a quando – e succede ancora, ma non come prima. Le donne venivano violentate dai soldati del governo o violentate dai gruppi ribelli. Lo stupro è un’arma. Era usato per manipolare il territorio, il suo controllo, e per la vendetta. E queste erano e per alcune sono ancora le condizioni di lavoro delle donne. A volte dicevano: “Bene, manderemo le donne più anziane perché è meno probabile che vengano violentate”.

Ma quello che abbiamo scoperto è che se mandavamo da tre a cinque dei nostri protettori civili disarmati con 20-30 donne, loro non venivano mai attaccate.

Michael: meraviglioso. 

Mel: In un periodo di quattro anni, c’è stato un caso in cui una delle nostre persone è stata attaccata da un soldato ubriaco. Ma nessuna delle donne è mai stata attaccata.

Michael: Quindi, Mel, passando alla situazione attuale, anche se in realtà, quello che ti chiederò di raccontarci tra un po’ è la storia di Derek e Andres in Sud Sudan. Non possiamo passare ad altro senza raccontarlo. Ma so che la “due diligence” che NP ha svolto, è la parte che mi colpisce di più, e credo che l’apprendimento è una delle migliori pratiche. Ero così frustrato per questo. Negli anni ’80 dicevo: “Sai, andiamo là fuori a rischiare le nostre vite e facciamo queste cose incredibili e drammatiche ma nessuno ne sente mai parlare.”

Dicevo: “I rapinatori di banche fanno più best practice e debriefing”. Adesso questo è cambiato e sono assolutamente entusiasta del modo in cui alcuni gruppi stanno usando esplicitamente le esperienze di altri paesi, i quali hanno avuto un’insurrezione con elezioni illegittime per consigliarci su alcune delle cose che funzionano e su altre che invece non funzionano. Quindi, ci parleresti un po’ di cosa avete fatto sistematicamente in sei continenti e dove possiamo andare a leggere i risultati?

Mel: Abbiamo condotto delle buone pratiche. Ma non siamo ancora abbastanza audaci da chiamarle “le migliori”. Abbiamo iniziato con degli studi di pace molto intensi su quattro applicazioni di protezione civile disarmata. Uno a Mindanao, uno nel Sud Sudan dove la Nonviolent Peaceforce è molto attiva, uno in Israele, Palestina, dove non siamo molto attivi, il quarto in Colombia. Quindi, abbiamo davvero visto il lavoro di 25 gruppi diversi. Perché Colombia – Colombia, Palestina e Guatemala sono i posti più caldi, sai, dove c’è bisogno di più lavoro che altrove.

E quindi, sulla base di ciò, Ellen Furnari ha guidato la cosa, ma avevamo diversi team di ricerca. Invece John Lindsay-Polonia era nella squadra che è andata in Colombia.

Michael: Oh sì, bene.

Mel: Facendo delle analisi incrociate abbiamo identificato le 77 pratiche che possono essere definite come le migliori. Alcune di loro erano davvero ovvie, ma per essere corretti bisogna fare dei colloqui alle persone prima di assumerle, giusto? Ma non tutti lo facevano, e si prendeva ciò che si poteva ottenere. Questa non è una buona pratica.

E così, nella seconda fase abbiamo convocato dei professionisti, partner, e alcune persone con cui abbiamo collaborato le quali hanno ricevuto i nostri servizi, e alcuni accademici su base regionale. Hanno passato tre giorni in ritiro guidato per far emergere ciò che davvero le persone fanno, ciò che funziona, e in quale contesto. Sai dove sono i dilemmi? Dove sono i conflitti? E così l’abbiamo fatto nell’Asia orientale, lo abbiamo fatto in Medio Oriente, Africa subsahariana, Nord America e America Latina.

E poi anche il COVID-19 ha colpito. Quindi, abbiamo l’Europa, l’Europa è rimasta. Stiamo organizzando un seminario per l’Europa. E poi faremo un raduno internazionale per riunirci e guardare davvero cosa funziona, e cosa non funziona, cosa può essere replicato, e cosa può essere ingrandito. E, cosa più importante è coltivare una comunità per la pratica. Perché ci sono molti altri come noi – posso dire che ci sono almeno 50 organizzazioni nel mondo che svolgono una qualche forma di protezione civile disarmata in 24 località.

Ma sai, a Minneapolis abbiamo fatto l’addestramento per le forze di pace per le urne delle elezioni politiche. Questo gruppo è il Powderhorn Security Collective. Dallo scorso giugno forniscono sicurezza nei quartieri adiacenti a dove è stato assassinato George Floyd.

E quindi, penso che quello che sta succedendo sia piuttosto uno zeitgeist, tutto ciò che accade è perché è necessario, e le persone stanno comprendendo e percependo a un livello molto diverso che dobbiamo rimodellare il modo di fare sicurezza. E quindi, qual è questo obiettivo, Michael? il Powderhorn Security Collective, ha cercato di intervenire prima che veniva chiamato il 911. Perché spesso non succedono cose belle alle persone in quei quartieri quando viene chiamato il 911.

Quindi è un approccio molto costruttivo. E oserei dire che ci sono centinaia di queste operazioni in tutto il mondo.

Michael: Sì. Penso che potremmo citarne alcuni. Sai, famosi sono quelli nel Bronx e a Chicago. Ora, questo mi porta a farti, credo, una specie di domanda critica. Hai menzionato lo Zeitgeist. E sappiamo che a un certo punto, essere consapevoli di ciò che si sta facendo aiuta in modo significativo a metterlo insieme e creare una spinta identificabile e coerente. Vedi qualcosa di tutto ciò accadere a livello internazionale e nazionale? O sono solo gruppi sparsi che hanno un’idea spontanea?

Mel: Alcune di queste cose stanno accadendo. Abbiamo la Shanti Sena Network che tu conosci, in Nord America. In America Latina si riuniscono una volta all’anno. Ma tutto il lavoro sembra essere tra Messico e Colombia. Non abbiamo trovato un nome comune. E dobbiamo stare molto attenti perché le persone sono scettiche su ciò che stiamo facendo.

Stiamo cercando di stimolare molti gruppi a farlo. Ci siamo imbattuti nel termine “Protezione civile disarmata”, principalmente per poter lavorare con le Nazioni Unite e portare avanti questo come politica.

Michael: Beh, non intendevo una singola organizzazione. Ma penso che quello di cui stai parlando sia esattamente quello che volevo dire, che è un unico concetto. Ti rendevi conto che stavi parlando in prosa? Quindi, Mel, hai menzionato una parola magica lì. Puoi dirci brevemente cosa hai fatto all’ONU? Tu, in particolare?

Mel: Ho intenzione di citare erroneamente Gandhi di fronte a te. Perché penso che non l’abbia detto. Ma gli è stato attribuito: “Prima ti ignorano. Poi ridono di te. Poi ti combattono. E poi vinci.” 

Michael: Esatto.

Mel: Mi è stato detto che davvero non l’ha detto lui. Lo sai?

Michael: Beh, non sappiamo davvero chi l’abbia detto. È stato attribuito a un certo numero di persone. Ma è bellissimo.

Mel: Sì. E così, abbiamo seguito quella linea all’ONU. Io e David Hartsough siamo andati all’ONU nell’autunno del 1999 con questa idea e con questi volantini. E forse solo cinque persone ci hanno visto. Anwarul Chowdhury, Cora Weiss, Chris Coleman, Gay Rosenblum-Kumar. Ma sai, stavo letteralmente distribuendo volantini ai volontari dell’UNICEF perché almeno avevano tempo per parlare.

E così, siamo stati ignorati. Poi siamo arrivati ??sul palcoscenico, sai, eravamo tenaci. Nel 2005-2006, avremmo ottenuto la risposta: “Oh, siamo sicuri che questo funzioni per proteggere alcuni difensori dei diritti umani. E questo è importante, ma qui non c’è alcuna implicazione politica”. E così, abbiamo attraversato quella fase.

Nel 2015, quando il gruppo indipendente di alto livello sulle operazioni di pace, ha fatto una revisione globale è ritornato sui suoi passi e ha dichiarato con forza che: “Gli approcci disarmati devono essere in prima linea nel lavoro delle Nazioni Unite sulla protezione dei civili “. Ciò ha colto molte persone di sorpresa.

E così, alla fine del 2016, per la prima volta, abbiamo inserito la Protezione civile disarmata in una risoluzione del consiglio di sicurezza, il che è molto, molto lavoro. Ciò significa che la Cina non ha posto il veto. La Russia non ha posto il veto. Gli Stati Uniti non hanno posto il veto.

Una persona di una grande ONG è venuta da me il giorno in cui è stata presa questa decisione. E per inciso, Michael, sono stati l’Angola e il Venezuela i nostri sostenitori. Dietro le quinte c’era il Regno Unito e loro hanno sempre agito dicendo di essere nostri alleati. Ma erano principalmente Angola e Venezuela. E lo so perché il ragazzo venezuelano mi ha mandato un messaggio in tempo reale dicendo: “Cosa dovrei fare adesso?” Quindi, questa rappresentante di una grande ONG, OXFAM, mi ha seguito all’uscita di una stanza. Ed ero con una collega di NP che mi seguiva quella settimana. Quindi, anche lei ha sentito.

Questa donna si avvicinò e mi puntò il dito in faccia. Era arrabbiata. Non so quando è stata l’ultima volta che mi è stato puntato un dito in faccia. Mi disse: “Voglio che tu sappia il risultato. Ora ci sono ambasciatori nel consiglio di sicurezza che dicono: “Perché non inviamo caschi blu disarmati invece di caschi blu armati?” E questo è merito tuo”.

Michael: [Ride] Colpa mia.

Mel: Puoi metterlo per iscritto?

Michael: Questo è divertente.

Mel: E così, la gente ha dovuto prenderci sempre più seriamente. E ora, solo un paio di mesi fa, la risoluzione del Consiglio di sicurezza per la transizione in Darfur, mentre le truppe armate partono per una missione politica, ha menzionato due volte la protezione civile disarmata. E quindi, quello che è successo nella quarta fase non è stata esattamente una vittoria. Ma è illustrato dal fatto che siamo stati in grado di ottenere un’udienza di due ore prima del Consiglio di sicurezza nel dicembre del 2017.

E alla fine è intervenuto il Direttore della ricerca del Dipartimento per il Mantenimento della Pace. E questo è il ragazzo con cui mi sono scontrato per anni. Ma di solito mi congedava e basta. Si è alzato dopo aver sentito Tiffany, dopo aver sentito [Kutzi], uno dei nostri uomini sul campo che era stato un ufficiale di polizia delle Nazioni Unite e poi è venuto da noi. Quindi, potrebbe dare il contrasto molto rapidamente. E così, dopo aver sentito tutto ciò, l’Istituto Internazionale per la Pacesi è dimostrato fondamentalmente a favore di approcci disarmati.

David Haeri, il direttore della ricerca, si alzò e disse: “Non sono in disaccordo con tutto ciò che è stato detto”. Lo guardai e dissi: “Cosa?” E poi lui ha detto: “E lo stiamo già facendo”. Quindi, questo è il loro tatto ora. “Cosa c’è di nuovo in questo? Lo stiamo facendo.”

Michael: Sì. Mi sembra, Mel, se c’è mai stata un’idea, è arrivata. E se c’è mai stata una persona in grado di farsi avanti e realizzare questa idea, sei tu.

Ho occupato il tuo tempo a lungo. Quindi, per concludere, se solo potessi dirci brevemente, così che la gente abbia un’idea di cosa può fare la protezione disarmata, dicci cosa è successo in quel campo, in quel campo IDP delle Nazioni Unite a Bor con Derek e Andres.

Mel: A Bor. Ti sei ricordato che era Bor. Ebbene, questo è successo pochi mesi dopo la ripresa della guerra civile. Era l’aprile del 2014. E loro erano davvero in dei campi improvvisati che sorsero intorno ai conclavi delle Nazioni Unite. E un certo numero di ribelli è passato dalla banchina, è entrato nel campo e ha iniziato a sparare alle persone a bruciapelo.

Derek e Andres erano lì con 14 donne e bambini. E così, andarono in una struttura simile a una capanna e si fermarono sulla soglia mentre le donne e i bambini erano dentro. E in tre occasioni, alcuni giovani ribelli si avvicinarono a loro gridando parolacce dicendo che: “Non hai motivo di essere qui. Vogliamo quelle persone.” E ancora e ancora, puntando gli AK-47 alla testa. E in tre occasioni, Derek e Andreas mostrarono la loro carta d’identità Nonviolent Peaceforce e dissero: “Siamo disarmati, siamo qui per proteggere i civili e non ce ne andremo”.

Dopo la terza volta, questi giovani ribelli se ne andarono. E Derek e Andres poterono sentirli dire mentre tornavano per unirsi al gruppo: “Stai lontano da lì. Lascia stare quelle persone.” Nel debrief, Andres dice molto chiaramente: “Se avessimo avuto una pistola, probabilmente saremmo stati uccisi”.

Michael: Oh sì. Si. Abbiamo girato questa parte nel nostro film.

Mel: Sì.  C’è nel film. Si. Si. Ci è piaciuto molto. Si.

Michael: Non riesco ad immaginare un’illustrazione più drammatica e chiara, una dimostrazione del potere della nonviolenza da parte di persone impegnate, ben addestrate e ben organizzate, e nemmeno mal finanziate. Anche se potrebbe esserci utile un po’ più di aiuto. Quindi, questa è una nota meravigliosa, meravigliosa. Voglio ringraziarti, Mel, non solo per questa intervista, ma per i 20 anni di lavoro che hanno portato a questo. E ho ancora la sensazione – mi avevi respinto circa 20 anni fa quando dicevo questo – ma ho ancora la sensazione che un giorno questo sostituirà il sistema di guerra.

Mel: Sì. E ricordo che 20 anni fa guidavo la macchina di David Hartsough per venire a trovarti per la prima volta e tremavo letteralmente. Che diavolo ho da dire a questo ragazzo? Voglio dire, quale valore aggiunto potevo essere?

Michael: Questa sì che è bella. Ecco qualcuno che affronta gli AK-47 a Mindanao e ha paura di visitare un professore.

Mel: Avevo paura in effetti.

Michael: Sono lusingato, Mel. Sono lusingato. [Ride] il mondo vi è debitore. Sono così felice che tu sia lì, a Shanti Sena Network, e da altre parti.

Mel: Ti voglio bene Michael.

Michael: Ti voglio bene Mel.

Mel: Mettilo nell’intervista.

Michael: Vedremo cosa ne dicono gli editori.

Mel: Va bene. È stata un’ottima conversazione.

Michael: Ottima conversazione, amico. Abbi cura di te.

Mel: Ciao ciao.

Michael: Avete ascoltato Nonviolence Radio. Qui è Michael Nagler del Metta Center che parla. E ho appena condotto un’intervista con il nostro amico e organizzatore, Mel Duncan, il co-fondatore di NonviolentPeaceforce. E questa è Metta con due T. Vorrei ringraziare la nostra stazione madre, KWMR, che vi raggiunge dalla stazione di Point Reyes in California. Ci risentiamo tra due settimane.


Matthew Watrous

Matthew Watrous è un assistente editore e trascrittore per il Metta Center for Nonviolence.

Comments