Appello di tregua

L'Associazione Cultura della Pace aderisce all'appello dei nonviolenti di Ucraina, Russa e Italia

Ecco il Comunicato Stampa


Ucraina, Russia e Italia unite per la pace: “Nessuna giustificazione alla guerra”. Si fermino le armi, subito la “tregua di Pasqua”


I nonviolenti di Ucraina, Russia e Italia: I nostri tre popoli sono contro la guerra perché la conoscono. Siamo fratelli e sorelle. Una dichiarazione congiunta


I rappresentanti dei movimenti nonviolenti di Ucraina, Russia e Italia, lavorano insieme e si sono uniti per una dichiarazione congiunta, che viene diffusa in ucraino, russo, italiano e inglese, nei tre paesi. L’obiezione di coscienza e la resistenza nonviolenta sono le “armi” che possono segnare una svolta. I nonviolenti sostengono la "tregua di Pasqua" proposta da Papa Francesco. La guerra, di aggressione e di difesa, sta distruggendo città e annientando vite, sta rendendo incerto il futuro dell’intera area, sta indebolendo l’Europa, spaccando l’opinione pubblica, sta impoverendo i popoli e arricchendo le industrie belliche. Il Movimento pacifista ucraino, il Movimento degli obiettori di coscienza russi e il Movimento Nonviolento italiano, lanciano l’indicazione di una strategia comune, che vuole essere un primo elemento per costruire la Conferenza di Pace che dovrà sancire la fine della guerra e mettere le basi per un processo di ricostruzione e riconciliazione.


Qui il comunicato del Movimento Nonviolento:

https://www.azionenonviolenta.it/ucraina-russia-e-italia-unite-per-la-pace-nessuna-giustificazione-alla-guerra-si-fermino-le-armi-subito-la-tregua-di-pasqua/


Qui la dichiarazione congiunta Sheliazhenko, Popova, Valpiana:

https://www.azionenonviolenta.it/wp-content/uploads/2022/04/Dichiarazione-congiunta-14-aprile-2022-2.pdf